Full Width

City camp
City camp

Buongiorno,
si comunica  l’attività estiva del CITY CAMP in lingua inglese della scuola per quest’anno per tutte le classi (dalla prima alla quinta).
Presentazione del campo: riunione informativa LUNEDI’ 6 maggio  alle ore 16.00 presso la nostra scuola Primaria.
City camp

Il campo di inglese proposto dalla Associazione “HAPPY TALK” si svolgerà dal 13 al 26 giugno 2019(esclusi sabato e domenica).

orario del city camp: dalle h. 9 alle 16.30 presso la scuola Primaria (pre-scuola a partire dalle h. 8.30, post – attività fino alle 17.00). 

Sono ammessi anche bambini che non frequentano la nostra scuola

€ 370 (materiali, pranzo, e assicurazione inclusi)   

€ 330 (materiali, pranzo, e assicurazione inclusi)   Acconto: 150 € 

Sono previsti sconti fratelli di 30 € per secondo figlio , 60 euro su terzo figlio

SCONTO € 100/SETTIMANA PER FAMIGLIE OSPITANTI I TUTORS (camera indipendente)

Depositare in segreteria  il modulo compilato allegato o richiesto in segreteria. E’ possibile anche il pagamento via bonifico con le credenziali indicate alla fine della email ( iban della scuola), indicando come causale: acconto/saldo city camp + Cognome nome del bambino e periodo scelto (10 giorni/8 gg). Il modulo comunque deve essere consegnato in segreteria con eventualmente la ricevuta del bonifico effettuato. La caparra non sarà restituita in caso di disdetta.

Si prendono iscrizioni da  lunedì 6 maggiodopo la riunione  fino al 24 maggio 2019

Saldo entro il 7 giugno 2019

In allegato il modulo di iscrizione e informazioni più dettagliate del progetto

Assemblea istituto
Assemblea istituto

Il giorno 29 GIUGNO alle ore 20.45 ci sarà un assemblea di istituto su piattaforma ZOOM per i genitori delle nostre classi. Sono invitati in particolar modo i rappresentanti di istituto e di classe, gli insegnanti,  e tutti i genitori che desiderano partecipare. Purtroppo non è possibile ancora fare a scuola delle assemblee  in presenza. ORDINE DEL GIORNO

  • verifica dell’anno scolastico 2019.2020
  • prospettive e proposte per l’anno scolastico 2020.2021

Topic: Incontro Consiglio di istituto

Join Zoom Meeting
https://us04web.zoom.us/j/79276876036

Meeting ID: 792 7687 6036
Password: 012622
Cordiali salutisuor FrancescaCoordinatrice scolastica

#noisiamoinvisibiliperquestogoverno
#noisiamoinvisibiliperquestogoverno

COMUNICATO della Presidenza USMI e CISM come lettura dei fatti e richieste al Governo.

Comunicato stampa congiunto della CISM e dell’USMI
25 maggio 2020
Le due Conferenze, CISM ed USMI, che gestiscono buona parte delle scuole pubbliche paritarie cattoliche in Italia hanno promosso e sostenuto due giorni di sciopero virtuale a partire dalle indicazioni chiare pervenute dai legittimi gestori di questo importante settore della vita culturale e civica del nostro Paese. Significativo e volutamente provocatorio lo slogan scelto per la mobilitazione: #NOISIAMOINVISIBILIPERQUESTOGOVERNO.
Era stato invocato dalla base un segno forte e chiaro, era stato chiesto di fare “rumore costruttivo”. Crediamo che sia stato raggiunto lo scopo immediato. La mobilitazione ha coinvolto migliaia di persone, dal Sud al Nord del nostro Paese, fra studenti, genitori, docenti, sindaci, Presidenti delle nostre Regioni, magistrati, Vescovi. Si è registrata una buona attenzione di tanta parte dei social media e della stampa, a cui va il nostro ringraziamento, mentre la stessa politica ha colto il nostro grido e ha stanziato 150 milioni di euro, di cui 80 per le scuole del ciclo 0-6 anni (in questa fascia è compreso il servizio socio-educativo, da 0 a 3 anni, che riguarda anche le scuole comunali, asili e nidi) e 70 per le primarie e le secondarie fino ai 16 anni, dando una flebile ed inadeguata risposta, sebbene da noi recepita come un segnale di dialogo, un segno a favore dei lavoratori e delle famiglie. Infatti, sono solo 152,00 euro pro capite per i 524.031 allievi della scuola dell’infanzia e 200,00 euro pro capite per gli allievi degli altri corsi.
Lo sciopero della scuola pubblica paritaria è stato, come molti hanno segnalato, un fatto insolito; noi vorremmo che l’attenzione non cadesse solo su questo aspetto marginale ma che cogliesse le ragioni più profonde di un disagio civile, culturale, economico che continua a segnare e discriminare una parte civile ed educata di questo Paese che serve tante periferie e fa argine a tanta evasione scolastica, che rende, con sacrifici e responsabilità, un servizio pubblico e non meramente privato, riservato non ad una élite ma a tutti coloro che, dentro un ordinamento democratico di scuola pubblica riconosciuta dallo Stato, hanno il diritto di scegliere l’istruzione per i propri figli senza dover pagare due volte il diritto all’istruzione: prima con le tasse e poi con le rette.
E’ stato uno sciopero pensato che non ha messo in difficoltà i propri utenti, studenti, docenti e famiglie, anzi ha creato le condizioni per coinvolgerli, come dimostrano centinaia di video e di comunicazioni, alle centinaia di iniziative poste in essere, tramite i social media, a lezioni condivise, dibattiti sulla nostra Costituzione e la libertà educativa, sulla rilevanza della scuola pubblica paritaria nei nostri territori -comuni e Regioni-, sulla applicabilità della Legge 62/200, sul diritto in un libero Stato di una libera scuola, sul ruolo della multiculturalità in un Paese democratico.
Non c’è stata nessuna sospensione delle lezioni, allievi e genitori non sono stati lasciati da soli, perché l’intento era quello di rafforzare l’idea di comunità scuola, la certezza di appartenere ad una comunità più grande, di essere la prima e fondamentale impresa del nostro Paese e per questo chiamati a svolgere un servizio per la società, per l’idea stessa di polis. La creatività e la generosità dei docenti, segno della loro alta professionalità -altro che docenti di serie b o a servizio dei diplomifici- è stata alla base della creazione di video, interviste, flashmob, dirette Facebook. Tutto questo
per dire al Governo e al nostro Paese che noi non siamo figli di un dio minore, che non siamo invisibili, che non valiamo
meno di tanti comparti aziendali, se mettiamo insieme 900.000 alunni, 180.000 tra docenti e personale, 12.000 sedi
scolastiche, se accogliamo 14.000 alunni con varie disabilità.
Consideriamo un successo lo sciopero della scuola pubblica paritaria nei giorni 19-20 maggio, non
solo per l’alto numero di adesioni, ma perché è stata data visibilità alla co-essenziale forma della scuola
pubblica del nostro Paese: quella statale e quella paritaria, che non bisogna confondere con quella
privata. Un modello esplicitato dalla L. 62/2000, ma già inscritto nella nostra Costituzione, art. 34,
quando sottolinea che la scuola è aperta a tutti e collega questo diritto alla famiglia. Ideologiche ci
sembrano alcune affermazioni lette in questi giorni dove si afferma che i 150 milioni erogati alla scuola
pubblica paritaria rappresentino un “dileggio omnipartisan alla Costituzione”. Infatti, le indicazioni presenti
nell’articolo 34 della Costituzione erano state riferite, in un primo tempo, alla sola scuola pubblica ma,
nel 1994, la sentenza n. 454 della Corte costituzionale ha ritenuto “ingiustificatamente discriminatoria”
l’esclusione degli alunni delle scuole paritarie, diremmo con la L.62/2000, dalla possibilità di ottenere
una “provvidenza”. Inoltre, la Costituzione indica un numero minimo di anni (“almeno 8”), ma non un
numero massimo. Nel 2005 il decreto legislativo n. 76 ha modificato – estendendola – la durata
dell’obbligo scolastico, stabilendo che “la Repubblica assicura a tutti il diritto all’istruzione e alla formazione per
almeno dodici anni o, comunque, sino al conseguimento di una qualifica di durata almeno triennale entro il diciottesimo
anno di età”.
E’ giusto che il Governo abbia deciso di riflettere sul futuro della scuola in Italia, che abbia pensato un
concorso per assumere, nell’arco di 4 anni, 32.000 docenti, ma noi chiediamo che il decreto Rilancio
consideri che gli investimenti in educazione e formazione siano per tutto il sistema pubblico
scolastico nazionale, quindi, anche per le scuole pubbliche paritarie. Le scuole pubbliche
paritarie, infatti, non sono scuole o istituti di educazione privata e, quindi, non hanno diritto di essere
un onere per lo Stato. La scuola pubblica paritaria è parte integrante del sistema dell’istruzione pubblica
del nostro Paese e questo è costituzionale. La scuola, come ricordava L. Berlinguer, non è laica o
cattolica, è solo scuola, cioè uno spazio di umanesimo dove le famiglie, con libertà e dentro un
orizzonte di valori condivisi da uno stato democratico, ti consegnano un bambino e, dentro un
percorso formativo multiculturale, formi un soggetto capace di essere cittadino critico e responsabile,
capace di costruire il sogno di un Paese in termini di cultura, bellezza, creatività e benessere. Le
ideologie creano monoliti culturali e spaccature sociali. Siamo stanchi di assistere a queste nostalgie di
un secolo breve che ci ha consegnato molte “notti oscure”, vogliamo una libera scuola in un libero
Stato, come in tutti i Paesi democratici della nostra Europa.
Questa operazione costa, ma sarà una opportunità per lo Stato. Oggi, infatti, serve 1 Mld di euro per
scongiurare la chiusura del 30% di scuole paritarie, la migrazione di 300 mila allievi nella scuola statale con un costo per
i cittadini di 2,4 Mld (studio Istituto Bruno Leoni). Per questo rivolgiamo a tutti i politici: salvate gli studenti e le loro
famiglie e date un futuro alla cultura del nostro Paese.
Noi non siamo più invisibili, #Noisiamoilnostrofuturo.
Madre Yvonne REUNGOAT, fma Padre Luigi GAETANI, ocd
(Presidente U.S.M.I. Nazionale) (Presidente C.I.S.M. Nazionale)

#noisiamoinvisibili
#noisiamoinvisibili

COMUNICATO CONGIUNTO USMI – CISM

Roma 15 Maggio 2020

AGLI ORGANI DI STAMPA SI CHIEDE LA MASSIMA DIFFUSIONE

Il 12 maggio u.s. si è svolta la tavola rotonda organizzata dalle presidenze nazionali dell’USMI e della CISM, fortemente sollecitata dai Superiori/e Maggiori preoccupati, in quanto primi responsabili delle scuole pubbliche paritarie cattoliche, della fatica di tante famiglie a pagare le rette, dell’indebitamento di tante scuole paritarie che non ce la fanno più a pagare gli stipendi dei docenti e del personale amministrativo.

Più di 300 partecipanti collegati, dal Sud al Nord del nostro Paese, per due ore di confronto in merito alla situazione delle famiglie e del nostro impegno civico e culturale nella scuola pubblica paritaria. Il nostro grido di allarme, insieme a quello della CEI e del mondo associativo, nasce dalla verifica del disagio civico ed economico di tante famiglie e dalla sordità del governo giallorosso che continua a trattare la scuola pubblica paritaria ideologicamente, come un oggetto estraneo alla convivenza civile e culturale di questo Paese, elargendo briciole, trattandoci meno delle biciclette e dei monopattini, per i quali stanzia 120 milioni di euro per il 2020 e il bonus sarà pari al 60% della spesa sostenuta, meno degli ombrelloni. Noi siamo gli invisibili per questo governo.

Non possiamo rinunciare a fare un appello perché la Scuola sia riconosciuta come essenziale per il futuro della Società.

Ora tocca alla politica, ma noi vogliamo e possiamo sostenerla. Come? Attraverso un gesto simbolico che faccia rumore e coinvolga tanti altri cittadini, oltre ogni schieramento, perché chi ama la scuola sa bene che questa è trasversale a tutto.

Pertanto ei giorni 19 e 20 maggio p.v., il giorno che vede partire le votazioni degli emendamenti:

  • le nostre scuole interromperanno le lezioni e per questi due giorni allievi, docenti e famiglie esporranno un #Noisiamoinvisibiliperquestogoverno;
  • ciascuna scuola paritaria si adopererà con lezioni, video, dirette Fb dalle pagine delle scuole che saranno aperte a tutti per diffondere i temi della libertà di scelta educativa; il diritto di apprendere senza discriminazione; parità scolastica tra pubblica statale e pubblica paritaria; libera scuola in libero stato; appelli alla classe politica perché non condanni all’eutanasia il pluralismo culturale del nostro Paese. Ciascuna delle nostre scuole, con il coinvolgimento delle famiglie, dei docenti, degli studenti organizzerà gli eventi che desidera: conferenze, dirette, disegni, flash mob…, tutto in diretta social per fare quel rumore costruttivo e responsabile che solo la scuola sa fare;
  • condivideremo le varie dirette ed iniziative sulle singole pagine social e siti delle scuole come sulla pagina Fb dell’USMI https://www.facebook.com/usminaz/

Il nostro gesto simbolico intende essere un “rumore educativo”- un “rumore costruttivo”

Un “rumore educativo” ed educato, che parta dalle nostre scuole ma che coinvolga i genitori dei 900 mila allievi delle scuole paritarie, i 7 Mln di allievi delle scuole statali, i docenti, il personale della scuola italiana, gli amici, i cittadini facendo nostro l’appello del Presidente della Repubblica: ognuno di noi può e deve fare la propria parte per la liberazione dell’Italia oggi.

Un “rumore costruttivo”, che obblighi i nostri parlamentari, che saranno impegnati nella discussione degli emendamenti nell’aula parlamentare, a non lasciare indietro nessuno perché o l’Italia riparte dalla scuola, da questo grembo dove si entra bambini e si esce cittadini di uno Stato democratico, o non ripartirà. O sarà disposta a fare i conti che c’è qualcosa che viene prima dei programmi, degli esami, del distanziamento sociale, che è quel di più della relazione educativa che può rendere adulto un ragazzo, o non ripartirà. La scuola deve tornare a far rumore, perché è l’impresa più grande di un Paese democratico, l’investimento migliore sul futuro, la grammatica più efficace di ogni integrazione culturale.

Grati della massima diffusione che ne vorrete dare. Con viva cordialità

Madre Yvonne REUNGOAT, fma Padre Luigi GAETANI, ocd

(Presidente U.S.M.I Nazionale) (Presidente C.I.S.M. Nazionale)

Castagnata
Castagnata

Carissimi …. pronti per la castagnata dell’anno???

Vi aspettiamo DOMENICA 27 OTTOBRE A CADIBONA!!!

Chi non avesse ancora segnalato cosa portare può optare con bibite e/o succhi …. che dalla lista di condivisione risultano un pò carenti…. E poi coraggio con la gara delle torte bellissime e buonissime….. Anche se non vi siete ancora iscritti a scuola portate domenica alla festa le torte entro le 15.30 e partecipate alla gara….. il BOSS DELLE TORTE VI ASPETTA!!!!

Ricevimento
Ricevimento

Si stanno avviando  i ricevimenti via registro elettronico.

PER LE INSEGNANTI CHE INSEGNANO LE EDUCAZIONI nelle diverse classi (inglese, musica, educazione motoria)  permane la prenotazione del ricevimento via DIARIO.

Attualmente sono stati attivati i ricevimenti per le classi 5 e 3. 

Alle altre classi (1-2-4) verranno date comunicazioni nei prossimi giorni via email. 

Il ricevimento per Stefania Biasetton ( come insegnante di classe ) è attivo solo per la classe 5.

Cordiali saluti, suor Francesca

Giochi matematici del Mediterraneo
Giochi matematici del Mediterraneo

Gentilissimi Genitori,
Vi informiamo che le classi 3-4-5 parteciperanno ai GIOCHI MATEMATICI DEL MEDITERRANEO edizione 2020: https://www.accademiamatematica.it/services
una “sfida” ludica in forma di breve test cartaceo, che verra’ proposto ai bambini venerdi’ 8 NOVEMBRE 2019 dalle insegnanti e che sarà svolta in classe. La matrice del test resterà ai bambini. Il gioco prevede inoltre, in caso di soluzioni corrette, di poter partecipare ad ulteriori sfide all’interno del proprio istituto e misurandosi successivamente anche con i pari età provinciali, regionali o nazionali.

Gli obiettivi della nostra partecipazione sono principalmente due:

– aiutare i bambini a provare piacere a giocare con la matematica, liberando ed esprimendo le loro capacita’ , e a superare anche il mat-panic laddove si presentasse; 

– educare i bambini a “mettersi in gioco”, vivendo le sfide di pensiero come occasioni positive. 


 Inviamo anche il link dove potete trovare i quesiti degli anni precedenti per potersi esercitare anche da casa, se si vuole. 

https://drive.google.com/drive/folders/1RDgSxrsSkAqYwQnDdiN74mJ1IQj_mqkf

Ringraziando Vi per l’attenzione e la collaborazione, Vi salutiamo cordialmente.
Suor Francesca e le insegnanti

Castagnata
Castagnata

INSIEME …. BIMBI, GENITORI, NONNI, AMICI…
CASTAGNATA 27 OTTOBRE A CADIBONA ( Via Bricco 45, Cadibona – Quiliano, SV)

Invitate, invitate…  
Ricordo lo scopo principale della festa: prima di tutto condividere un tempo e un luogo per i bambini, ex alunni, genitori, nonni e amici per stare insieme allegramente, perchè INSIEME E’ PIU’ BELLO!!! 

PROGRAMMA DI MASSIMA 

  • Santa Messa: ore 10 nella parrocchia di Cadibona Vuole essere la messa delle nostre famiglie di inizio anno scolastico. Chi fosse impegnato a partecipare in altre messe di catechismo o celebrazioni, non si preoccupi,… ci uniamo in comunione di preghiera. 
  • Ritrovo al Cadifugio per il pranzo condiviso. Ciascuna famiglia porti qualcosa come secondo. Piatto di pasta per tutti
  • A seguire: giochi, danze, merende, focaccette, bomboloni….partite di calcio .. anche tra i genitori in serata….
  • Caldarroste… per tutti!

Ringraziando già per la vostra disponibilità nell’organizzazione della Castagnata vi ricordo gli ambiti e le zone individuate con il Consiglio di istituto, per le quali è gradita una collaborazione. Nell’atrio della scuola viene appesa una tabella riassuntiva con le postazioni nelle quali chi vuole può segnalare la presenza per l’aiuto. Si prega di scrivere il nome del bambino. Le postazioni sono: 

  • allestimento  (trasporto vettovaglie e scatoloni materiale lotteria): Sabato precedente 26 ottobre (orario da concordare – genitore di riferimento: Barbaro Antonello – classe 2) 
  • parcheggio (qualche papà per dirigere il traffico…)
  • aiuto per fare e cuocere le focaccette e/o bomboloni ( se ci sono tante disponibilità si possono fare i turni in cucina- referente cucina: Canepari Luca – classe 3A). Aiuto in cucina anche al mattino per la pasta. 
  • preparazione e catalogazione premi lotteria a scuola (a partire da mercoledì 9  ottobre chi è disponibile può  incontrarsi nell’atrio o in palestra se libera dalle 14.30 alle  15.30  per aiutare nella preparazione dei premi della lotteria). Eventualmente il gruppo preposto può scegliere altri momenti, anche serali,  concordati con la direttrice.
  • banco di beneficenza durante la giornata ( si possono organizzare turni così tutti possono godersi anche un pezzo di festa)
  • consegna castagne (2 postazioni)
  • consegna focaccette 
  • aiuto per cuocere le castagne (qui servono soprattutto i papà!!!)
  • consegna bibite
  • consegna torte
  • riordino dopo la festa. Qui l’aiuto è preziosissimo. 
  • punto informativo “AGESC” e “MONDO NIVES” – 
  • punto “IOLEGGOPERCHE'”, in collaborazione con Libreria Moneta- Feltrinelli Point
  • giuria torte.

Viene data la possibilità di indicare anche che cosa portare ( bicchieri, piatti, posate, tovaglioli, sacchi della spazzatura…). Chi vuole segni con una crocetta.  

COME VEDETE C’E’ DA FARE PER TUTTI! CORAGGIO!!!A PROPOSITO DI TORTE:  VIENE INDETTO IL SECONDO TORNEO DI GARA DELLE TORTE. Si allega il regolamento.

http://www.nives.it/primariasavona/wp-content/uploads/2019/10/gara-delle-torte-regolamento-2019.jpg

Coraggio mamme e nonne anche bimbi!!! Le torte verranno portate direttamente su alla festa. 
Le bibite e le vettovaglie possono essere portate a scuola.

Se qualche genitore avesse delle tovaglie di carta saranno ben accette.

Si richiede di comunicare alla scuola, via email o in segreteria o direttamente alla coordinatrice didattica o segnandosi nell’atrio chi può recarsi alla ex Scuola di Cadibona per la preparazione già dal mattino e chi si ferma a pranzo. 

Per chi lo desidera organizziamo una scampagnata nei boschi di Osiglia messi gentilmente a disposizione da una famiglia della nostra scuola per RACCOGLIERE LE CASTAGNE: andremo sabato 19 ottobre, nel pomeriggio tempo permettendo…Sempre nell’atrio ci sarà un foglio per le famiglie che vorranno partecipare alla raccolta. Si invierà a breve una email più specifica a riguardo. 

Vi saluto cordialmente e vi aspettiamo tutti  a CADIBONA DOMENICA 27 OTTOBRE!!!!!!

Suor Francesca e il Consiglio di Istituto

N.B. In CASO DI MALTEMPO LA FESTA VERRA’ FATTA AL PROLUNGAMENTO  A PARTIRE DALLE 14.30

Merenda missionaria
Merenda missionaria

DOMENICA 13 OTTOBRE dalle ore 15 alla SCUOLA DELL’INFANZIA  del PROLUNGAMENTO

siete tutti invitati a partecipare alla merenda missionaria, in occasione del mese missionario: ci saranno giochi per  i bimbi, merenda per tutti e una bella testimonianza della nostra suora brasiliana suor Celia che i bimbi di alcune  nostre classi hanno già avuto l’occasione di conoscere.

VI ASPETTIAMO per trascorrere in modo diverso la domenica in famiglia.